OFELIA

C’è chi dice che Ofelia
Si sia uccisa perché folle,
e chi invece racconta
che nel fiume scivolò.

Ma la notte era fredda
E lei solo aveva indosso
La veste bianca ed i lunghi
Capelli come mantello.

Si sedette sulla riva.

“Oh fiume, oh dolce fiume,
Sai dov’è il mio signore?
Parlami, perché taci,
Perché non mi dici di lui?”

Si bagnò i piedi.

“Il vento è freddo
e gelide sono le acque,
ed io ho paura,
ho paura della Morte.
Dolce Amleto, perché mi rifuggi?
Uccidi te stesso
E non salvi chi ami!

Guarda dolce Amleto,
le stelle sono in cielo!
Ma l’acqua è fredda,
e debole è la carne…

Dolce Amleto dove sei?
Oh fiume crudele,
se sai dov’è il mio Amleto
portami da lui!”

Il fiume annuì bugiardo,
E lei sorrise.
Un tappeto di ninfee
Per le sue stanche membra.

“Vi amo troppo” disse solo.
E si assopì.

 

(Pubblicata nel libro La Piazza di Pietra e altre Storie - Aletti Editore, 2003)

 

Tutte le opere presenti in questo sito sono originali e sono state già pubblicate o in ogni caso depositate alla SIAE.

Tutti i diritti sono riservati.

E' vietata ogni forma di riproduzione totale o parziale salvo esplicita autorizzazione scritta fornita dell'autrice.