MERCANTE DI PAROLE

Ecco mio buon Bassanio,
prendi pure il mio pezzo di cuore
e barattalo con l’Ebreo
per avere un po’ d’attenzione.

Prendi pure il mio etto di carne
e pesa quanto valgono le mie parole
che il mio debito l’ho già pagato
con le lacrime e col dolore.

Troppi crediti accumulati
in attesa della buona stagione
sono andati col passar del vento
e col tempo han perso valore.

E all’Ebreo sudicio e avaro
che vorrebbe ghermirmi i pensieri
bastino le parole che già possiede:
solo quelle gli ho promesso
non lealtà, amicizia o fede
e neppure una goccia di sangue.

Ma a te, Bassanio, mia roccia,
lascio a banchetto il mio corpo che langue:
spremi fino all’ultima goccia,
sangue, anima, carne e cuore
perché ciò è tutto quel che possiede
questa misera mercante di parole.

 

 

(Pubblicata nel Calendario Poetico 2006 del circuito Culturaitalia, disponibile su www.culturaitalia.it)

 

Tutte le opere presenti in questo sito sono originali e sono state già pubblicate o in ogni caso depositate alla SIAE.

Tutti i diritti sono riservati.

E' vietata ogni forma di riproduzione totale o parziale salvo esplicita autorizzazione scritta fornita dell'autrice.